giovedì 11 dicembre 2014

Il giallo di Gilberta Palleschi -cla & Melissa

Gilberta Palleschi, professoressa di inglese 56enne in data 1 novembre, era uscita di casa per fare jogging come suo solito lungo le sponde del fiume Fibreno, ma da lì non è più rientrata a casa. Lungo il fiume dove camminava sono stati trovati alcuni oggetti personali tra cui il suo telefonino.

La svolta ieri 10 dicembre: il suo cadavere è stato trovato in una cava a Campoli Appennino, a circa 20 km dal luogo di scomparsa. A svelare ai militari come è morta l’insegnante è un muratore di 43 anni, Antonio Palleschi, stesso cognome ma nessuna parentela con la donna, che è stato interrogato e fermato dai carabinieri. Confessa di aver cercato di violentare la donna lungo il fiume. L’ha picchiata con calci e pugni. L'ha caricata in macchina e portata nella cava. L’ha finita colpendola alla testa con una pietra. Il giorno dopo è tornato per avere un rapporto sessuale con il cadavere.

Palleschi ora si trova nel carcere di Cassino. I familiari in questi mesi hanno lanciato appelli e partecipato a ricerche sul territorio. Da oltre un mese in centinaia tra carabinieri, volontari e vigili del fuoco si sono impegnati nelle ricerche della donna.













Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.