giovedì 12 febbraio 2015

Trama Harry Potter e la Pietra Filosofale

Harry Potter, orfano dei genitori James Potter e Lily Evans, viene lasciato dai professori della scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, Albus Silente (si scoprirà poi essere anche il Preside di suddetta scuola) e Minerva McGranitt, e dal loro guardiacaccia, Rubeus Hagrid, davanti alla dimora degli zii materni, i Dursley, Vernon e Petunia, che vivono col figlio Dudley a Privet Drive.
Il bambino viene trattato dai parenti come un estraneo, proprio per le sue origini e per l'odio e l'invidia che zia Petunia provava nei confronti della sorella. La stanza di Harry non è altro che lo sgabuzzino sotto le scale e i suoi vestiti sono quelli che il cugino non indossa più. Ma nello stesso tempo si rende conto di essere capace di fare involontariamente delle cose incredibili, come il giorno del compleanno di Dudley, durante la visita allo zoo: mentre guarda un pitone, Harry riesce a dialogare con lui e a far sparire il vetro della teca che lo rinchiude, facendo cadere all'interno il proprio cugino, regalando la libertà al serpente e vendicandosi del comportamento ineducato del cugino.
Qualche giorno prima del suo undicesimo compleanno Harry riceve una misteriosa lettera, la prima nella sua vita, che però non riesce a leggere per colpa dei crudeli zii che glielo impediscono. Giorno dopo giorno, le lettere destinate a Harry aumentano incredibilmente fino a rendere la vita a Privet Drive impossibile. La cosa più insolita tra tutte è che le lettere vengono recapitate da alcuni gufi. Dopo essere stato portato via da Privet Drive da zio Vernon, che voleva impedirgli una volta per tutte di continuare a ricevere posta, il giorno del suo compleanno Harry viene raggiunto da un Mezzo-gigante, Rubeus Hagrid (colui che insieme ad Albus Silente e a Minerva McGranitt l'aveva lasciato ai Dursley), che finalmente gli consegna la lettera che i Dursley non gli permettevano di leggere. E il mistero viene svelato: Harry scopre di essere un mago e che anche i suoi genitori lo erano, comprendendo il motivo di quegli eventi sovrannaturali che è capace di causare, soprattutto quando di umore alterato. Viene inoltre a conoscenza del fatto che i suoi genitori furono uccisi dal più temuto e misterioso mago oscuro di tutti i tempi, Lord Voldemort, e non morti in un incidente d'auto come gli era stato detto dagli zii. E infine la singolare cicatrice che porta sulla fronte è la prova di essere l'unico mago al mondo sopravvissuto all'Anatema Che Uccide, grazie alla potenza di una delle più grandi delle magie, l'amore di sua madre.
Ammesso alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, comincia la sua vera vita da mago. Hagrid accompagna il ragazzo a Diagon Alley, un quartiere magico nascosto nel centro di Londra, per comprargli l'occorrente per la scuola. Il ragazzo suscita subito l'interesse degli altri maghi (Harry, infatti, presenta sulla fronte una piccola cicatrice a forma di saetta, a testimonianza della sua straordinaria sopravvivenza), tra cui Quirinus Raptor, che si rivelerà essere poi il suo professore di Difesa Contro le Arti Oscure. Poco dopo viene accompagnato da Hagrid alla stazione di King's Cross, a Londra, per prendere un treno al binario magico 9 ¾ dove si imbatte per la prima volta nella famiglia Weasley.
Anche per uno dei suqwertwtyuoi membri, Ron Weasley, è il primo anno di scuola. I due approfondiscono l'amicizia durante il viaggio sull'Hogwarts Express. Giunto a scuola, Harry fa amicizia anche con Hermione Granger, una brillante ragazzina apparentemente saccente, di famiglia Babbana (ovvero senza poteri magici), che aveva già incontrato durante il viaggio in treno. Fa conoscenza anche con il superbo Draco Malfoy e tra i due scatta subito l'antipatia reciproca. Tutti i ragazzi del primo anno, una volta arrivati a Hogwarts devono essere smistati dal Cappello Parlante nelle quattro Case (Grifondoro, Serpeverde, Tassorosso e Corvonero) e tutti e tre gli amici, Harry, Ron e Hermione, vengono collocati nella casa dei Grifondoro, mentre invece Malfoy viene smistato nella casa dei Serpeverde. Harry comincia a frequentare le lezioni di magia, tra le quali quelle di volo, tenute da Madama Bumb, nella quale si distingue per la sua bravura naturale di volare a cavallo del manico di scopa, capacità che lo farà diventare il nuovo cercatore della squadra di Quidditch del Grifondoro, lo sport preferito dei maghi.
Durante il trascorrere dell'anno scolastico, i tre curiosi amici vengono a conoscenza del fatto che nel castello di Hogwarts è custodita la Pietra Filosofale, un oggetto magico alchemico capace di trasformare qualsiasi metallo in puro oro, e attraverso il cui elisir ci si può assicurare la vita eterna. I tre si convincono inoltre che il severo professore di Pozioni, Severus Piton, voglia rubarla per scopi malvagi. In realtà è l'insospettabile professore di Difesa contro le Arti Oscure, Raptor, ad essere interessato a rubare la pietra per conto di Lord Voldemort.
Il Signore Oscuro, infatti, non è morto ,come tutti credono, quando ha attentato alla vita del piccolo Harry, ma, divenuto un'anima incorporea, sfrutta il corpo di Raptor per riuscire a sopravvivere nutrendosi del rigenerante sangue di Unicorno. Dopo varie vicissitudini, i tre ragazzi, unici a conoscenza del terribile piano di Raptor, pensando sia Piton il colpevole, riescono a raggiungere la botola in cui la pietra è custodita, ma solamente Harry riesce ad avere un incontro diretto con Raptor e il Signore Oscuro, sconfiggendoli entrambi grazie , ancora una volta, all'incantesimo di protezione che la madre aveva attivato su Harry con il proprio sacrificio prima di morire.
Lord Voldemort quindi, debole e sconfitto, è costretto a scappare.
Il professor Silente spiega ad Harry il motivo della sua vittoria, svelandogli anche che la pietra filosofale verrà infine distrutta per evitare che altri maghi cadano nella tentazione di possederla.
Alla fine del film si apprende anche che, dopo anni di supremazia Serpeverde, a Grifondoro spetta la Coppa delle Case

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.