mercoledì 29 novembre 2017

Noi contro la violenza

La Regione Lazio ha promosso un progetto contro a violenza sulle donne, destinato alle scuole di tutto il Lazio, nel quale ci invita a non rimanere in silenzio, bensì ad agire ed a farci sentire contro un fenomeno troppo diffuso. La scuola “Emanuela Loi” ha deciso di partecipare a questo concorso ideando un cortometraggio. La classe che ne è stata protagonista è la 2BT, in questo progetto sono stati coinvolti alunni e docenti, si è creato un clima molto positivo e piacevole, tutti hanno svolto i propri compiti in maniera ammirevole, Aurora De Noni ha scritto il testo, Emiliano Russello ha recitato, Gabriel Pollastrini, Lorenzo Ponzi e Marica Moroni si sono occupati della musica, Chiara Fargetto si è occupata del montaggio del video e tutti gli alunni della classe hanno collaborato al lavoro, nelle riprese, nelle idee per il video ed hanno garantito la riuscita dell’iniziativa. Il giorno della produzione del video, tutto è andato nel migliore dei modi, è stata una giornata serena e anche divertente, avevamo la consapevolezza di operare per una giusta causa. Il cortometraggio parla di un bambino di nome Marco morto ancora prima di nascere a causa della violenza del padre, la storia è accompagnata dal sottofondo musicale, e alla fine tutti gli alunni intervengono con la frase “e ricorda che l'amore non è violenza” una frase verissima, l'amore è dare una carezza, no uno schiaffo, è stare in armonia, felici, no soffrire e avere paura, l'amore è essere vivi perché l'amore è vita, non è morte nessuno ha il diritto di toglierci la nostra libertà, la nostra felicità e soprattutto la nostra vita.
Abbiamo voluto fare un piccolo gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza ed a tutti i bambini mai nati o rimasti orfani a causa dei loro padri. Questo è quanto abbiamo voluto comunicare noi della classe 2BT, siamo convinti che dobbiamo combattere il fenomeno del femminicidio ed estinguerlo, perché insieme possiamo farcela. “L'amore non è violenza”.
Mattia Marchionni

mercoledì 15 novembre 2017

I 500 anni di Lutero un'occasione d'incontro

Bella occasione d’incontro tra le scuole, questa mattina nell’aula magna dell’I.T.I.S. ” Trafelli” a Nettuno, dove, gli Istituti  del territorio, che partecipano ai lavori per il convegno su Martin Lutero , hanno presentato i loro contributi. Sono passati 500 anni dall’anno in cui Martin Lutero presentò le sue novantacinque tesi affiggendole sul portale della chiesa del castello di Wittenberg. L’anno non può essere stabilito con certezza, tuttavia si tratta di un evento che ha cambiato il mondo e rappresenta un anniversario che nel 2017  viene festeggiato non solo nelle città luterane di Wittenberg e Eisleben, ma anche nel nostro territorio, con una grande manifestazione patrocinata dal Comune di Nettuno e dalla locale  Pro Loco , curata dalla locale sezione dell’Istituto Culturale italo – tedesco, che é stata inaugurata il 31 Ottobre e si protrarrà con eventi diversi fino al 19 Novembre 2017. Tutte le manifestazioni hanno sede al Forte Sangallo e si svolgeranno dalle ore17,00.
Diverse associazioni di Anzio e Nettuno partecipano all’evento, infatti, l’iniziativa  ha il contributo delle associazioni “La stella del mare”, “la dolce vita cineclub”, “Il simposio”, associazione gemellaggi e la corale “città di Nettuno.” Sono coinvolti anche gli Istituti d’Istruzione superiori di Anzio e Nettuno, l’Istituto Tecnico”Luigi Trafelli”, il Liceo artistico “Pablo Picasso”, l’I.T.S. “Emanuela Loi”, l’Istituto Professionale “Colonna-Gatti”, l’Istituto paritario “Santa LuciaFilippini , l’Istituto alberghiero “Marco Gavio .Apicio”, il Liceo paritario “Stella Maris ” ed il Liceo Classico “Chris Cappell”. IIl contributo della nostra scuola è stato realizzato dagli alunni del quarto B RIM  che, con le insegnanti Cruciani e Coppola, hanno svolto una serie di lavori ed approfondimenti tematici sul tema, mentre, gli alunni del quarto SIA hanno partecipano  documentando con foto ed articoli  tutto l’evento. Insomma una grande celebrazione per il frate agostiniano e teologo tedesco che cambiò per sempre l’assetto religioso dell’Europa.
Nei prossimi giorni troverete sul nostro blog foto ed interviste ai protagonisti di questa importante occasione culturale.
classe IV SIA