giovedì 23 gennaio 2014

gemitaiz 16 giro di notte..

Penso che nel presente le stelle le hanno scambiati 
con i lampioni,

Hanno preso i perdenti e li hanno mischiati con i campioni.
-CIT GEMITAIZ  16 giro di notte (canzone)

2 pezzo
-Ho preoccupazioni giganti, i pensieri pesanti
Appena la tocco le faccio male devo mettermi i guanti.
Forse è il caso di ammettere che il problema è solo mio,
Probabilmente il problema sono io.
Taglio i contatti come fossero spaghi, faccio a botte coi draghi
Dicono adesso mi paghi, ho i piedi che calpestano gli aghi.
A forza di lacrime ho gli occhi che sembrano laghi,
Cerco il giorno magico ma non esistono 
qua e non esistono maghi.
Scrivo canzoni tristi sogno di avere i poteri come su Misfits,
Ma lottano per tenermi schiavo come i suddisti.
Cerco la pace tra i sintetizzatori e i cori
Piuttosto che trascorrere un altro giorno lì fuori.
Alzo le cuffie finchè distorce e cammino da solo,
Conto le gocce sopra la giacca lasciano il segno tipo vaiolo.
Provano a convincermi mi sussurrano che 
(che cosa?) posso fidarmi di loro,
Neanche gli tengo la mano anzi se ne ho la possibilità li divoro.
Se ti dico che non provo rabbia mento,
Dico che sto bene ma è solo un insabbiamento.
La soddisfazione non arriva è un gran lamento,
è inutile sentirsi liberi avendo una gabbia dentro.

1 commento:

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.